logo
PREVIEW, EVENTI E COMUNICATICOMING SOON
09/05/2018
Gabe Gurnsey
Physical
L’album di debutto di Gabe Gursney uscirà il 3 agosto via Phantasy Sound e si intitolerà Physical.
di La Redazione

L’album di debutto di Gabe Gursney uscirà il 3 agosto via Phantasy Sound e si intitolerà Physical. Già disponibile il primo estratto, “Ultra Clear Sound”.

Se volete sapere come suonerà questo debutto solista di Gursney, la prima cosa che dovete fare è mettere da parte i Factory Floor, il gruppo da lui co-fondato 13 anni fa. Le lunghe, fredde e spoglie decostruzioni dell’elettronica no-wave e della techno industriale sono state abbandonate a favore di qualcosa di assolutamente più caldo, torrido e succinto.

“Si tratta di un vero e proprio allontanamento da ciò che facevano i Factory Floor,” dice. “Ciò che volevo fare con Physical riguarda più l’esplorazione del songwriting e della sua struttura. Si tratta di un album di evasione, per certi versi, anche se non voglio ‘evadere’ dai Factory Floor, ma quello che faccio come solista deve essere separato dalla band e deve esplorare nuove direzioni.”

Gursney ha iniziato a scrivere questi brani all’inizio del 2017, nei momenti di pausa del gruppo, e in estate aveva già 30 demo pronti. Ammette di aver lavorato molto velocemente subito, per poi dare alle canzoni 12 mesi per svilupparsi ulteriormente ed essere forgiate nel nuovo sound.

E questo nuovo sound – electro muscoloso, synthpop, EBM, funk militante proto-Hacienda, house primigenia di Chicago – è pienamente sviluppato sull’album, che incorpora un seducente racconto, come spiega lo stesso Gabe: “Il disco è una storia. Il modo in cui le 14 canzoni sono sequenziate rispecchia una notte passata in giro. È un disco sul clubbing ancor più di quanto sia un disco da suonare nei club. Prepararsi per uscire, guidare per la città, arrivare al club, essere sulla pista da ballo, tornare a casa (e in che stato) la mattina presto… anche il momento in cui esci a prendere una boccata d’aria, quando sei fuori alle tre del mattino con una sigaretta tra le dita… anche questo è rappresentato nell’album.”