Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
PREVIEW, EVENTI E COMUNICATICOMING SOON
Groove Denied
Stephen Malkmus
2019  (Domino)
ELETTRONICA/AMBIENT ALTERNATIVE/INDIE
all PREVIEW, EVENTI E COMUNICATI
25/01/2019
Stephen Malkmus
Groove Denied
Stephen Malkmus annuncia il nuovo album solista GROOVE DENIED in uscita il 15 marzo su Domino.
di La Redazione

Le voci sono vere: l’album elettronico segreto di Stephen Malkmus sarà disponibile dal 15 marzo su Domino. Ma Groove Denied non è un tuffo nell’EDM o nell’hiptronica. Infatti, non ci sono brani puramente strumentali nell’album. Ogni canzone è esattamente questo: una canzone, con le basi di Malkmus caratterizzate da melodie finemente storte e testi obliqui. Groove Denied vede Stephen allontanarsi dai consueti modi di fare e dalla routine. Come Malkmus afferma, “è divertente intromettersi in cose nelle quali non dovresti.”

Il primo assaggio del nuovo groove di Stephen è il singolo “Viktor Borgia” accompagnato da un video che vede Stephen da solo in una discoteca. Il titolo del brano unisce in modo scherzoso il nome del comico e pianista e della spietata dinastia italo-spagnola di nobili. Con la sua maestosa melodia e l’accento inglese, il brano ricorda i primi Human League o i Men Without Hats. “Pensavo a cose come ‘Homosapien’ di Pete Shelley, gli Human League e la synth music DIY del 1982,” afferma Stephen, che continua, “e anche di come durante la New Wave degli anni ’80, queste discoteche per maggiorenni nelle periferie fossero il punto di incontro di tutti i fricchettoni  - un rifugio.”Quando Stephen Malkmus si avvicinò alle scene nei primi anni ’90, come frontman dei Pavement, l’area musicale con la quale era associato, non poteva essere più lontana dal sound techno-rave del periodo. La musica elettronica a dance del passato, e di oggi, era caratterizzata dalla precisione post-umana, dalla struttura inorganica e dalla chiarezza iper-digitale. Mentre il movimento lo-fi del rock underground promuoveva un’estetica trasandata, bordi ruvidi e un calore crudo – cento sfumature squisitamente sottili di distorsione e abrasione.
Oggi Malkmus torna con Groove Denied – il primo album solista senza i Jicks dal 2001. Creato utilizzando Ableton Live, e al posto di una sezione ritmica umana, una drum machine e numerosi plug-in FX e “soft synth”. Stephen compara il processo di costruzione dei brani al modo in cui i suoi figli “facevano queste figure femminili sul mio iPhone – scegliendo il colore dei capelli, i vestiti ecc. Quel processo intuitivo di scorrere e scegliere, tagliare e spostare. Lo scroll come stile di pensiero.”Questo allontanamento dal genere che lo ha reso celebre risale agli inizi di questa decade, quando Malkmus trascorse un paio di anni a Berlino e venne esposto alla vibrante scena club della città. Esplorò la scena festaiola e notturna tra le più importanti di tutto il mondo e rimase affascinato dalla techno, “la musica può essere fantastica…puoi  avere la testa da un’altra parte, ballare, focalizzarti sulla musica – o semplicemente essere strafatto.”
Non sarebbe del tutto fuori luogo descrivere Groove Denied come il Low di Stephen Malkmus. Nonostante sia stato registrato per la maggior parte in Oregon, l’album è stato scritto a Berlino. E mentre la metodologia dietro a Groove Denied sia totalmente 21esimo secolo, i riferimenti per la palette di suoni risalgono all’era pre-digitale. “Per quanto riguarda la parte elettronica dell’album, volevo che fosse pre-internet,” afferma Stephen.
Groove Denied darà una scossa alle nozioni fisse riguardo a Malkmus e a cosa è capace, riposizionandolo nello schema delle cose. Ma guardando da una differente prospettiva, il suo rapporto con la tecnologia all’avanguardia, ha perfettamente senso. Dopotutto, il lo-fi degli anni ’90 – il sound per il quale lui e i Pavement erano considerati pionieri e leader – non era nulla se non insistentemente sonico  – era una questione di riff di chitarra e di effetti  orecchiabili ed esagerati. Rumore per rumore.  Stephen recentemente ha twittato sulla questione dell’auto-tune onnipresente nella musica contemporanea: “We long 4 transformation....and we humans fucking luv tools.”

1. Belziger Faceplant
2. A Bit Wilder
3. Viktor Borgia
4. Come Get Me
5. Forget Your Place
6. Rushing The Acid Frat
7. Love The Door
8. Bossviscerate
9. Ocean of Revenge
10. Grown Nothing