Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
PREVIEW, EVENTI E COMUNICATICOMING SOON
Le interviste di Loudd
Emilio Sorridente
2019 
NEWS FESTIVAL/CONCERTI
all PREVIEW, EVENTI E COMUNICATI
07/06/2019
Emilio Sorridente
Le interviste di Loudd
In vista dello show che si terrà al Museo del Rock di Catanzaro il 13 giugno, abbiamo intervistato Emilio Sorridente.

Il 13 giugno, al Museo del Rock di Catanzaro, si terrà un evento imperdibile. Ce lo vuoi presentare brevemente?

Dopo l'esperienza nel 2018 assieme a Twink Alder e Gary Lucas ho avuto questa idea di celebrare la carriera e la creatività di Martin 'Youth' Glover, e il Museo anche stavolta ha deciso di assecondare la mia visione e di darmi la possibilità di lavorare alla produzione di questo show.

Come è nata la collaborazione con Martin “Youth” Glover?

Gli scrissi una mail nel 2014 credo, per complimentarmi del lavoro fatto su 'The Endless River' dei Pink Floyd. Fu molto gentile a rispondermi e a 'stuzzicarmi' a suonare la lap steel su un suo pezzo ambient che avevo preso di mira da un po'. Lo ascoltò ma non se ne fece nulla all’epoca: però quel pezzo e quel modo di suonare che mi era rimasto attaccato addosso furono in effetti l'inizio del progetto 'From The Shell'. Il fatto che abbia accettato di fare questa esperienza insieme è per me una chiusura di un cerchio in questo senso.

Ci puoi raccontare qualche aneddoto sul Glover uomo? Che persona è?

Come tutti i più grandi, è una persona molto umile ed aperta ad ogni tipo di input. Gli inglesi sono sempre un passo avanti, non c'è nulla da fare. Poi è un vulcano: scrive, suona, dipinge, crea sculture, produce albums. La cosa più bella credo sia la sua positività, che è davvero palpabile.

Ad affiancare Youth il 13 giugno ci sarai tu insieme alla tua band (Enzo De Masi alla batteria e Michelangelo Nasso al basso). Ci puoi dire come si articolerà lo show? Eseguirai anche canzoni dal tuo repertorio?

Sicuramente suoneremo qualcosa di nostro, magari in apertura. L'idea è quella di un concerto 'in divenire' e che conterrà qualche sorpresa che ancora non ti dico, visto che abbiamo trovato un 'territorio' comune in un artista che amo alla follia e devo confessarti che non vedo l'ora di provare alcuni pezzi con lui!

Il tuo ultimo disco, From The Shell, risale al 2016, e il singolo “Love will find you” ti ha visto collaborare con Michael Orzek e, soprattutto, con il leggendario Andy Jackson, sound engineer dei Pink Floyd. Ci puoi raccontare quell’esperienza?

Tutta l'esperienza di 'From The Shell' è da ricordare. Devo ringraziare molte persone per i risultati che un progetto 'difficile' come quell'album è riuscito ad ottenere. Riccardo Anastasi che ha un tocco magico in studio, Mimmo Muratori che mi ha affiancato nell'edizione in vinile (che vinse poi il Best Art Vinyl 2017), Nico Spinosa che è il mio discografico e fornitore ufficiale di calci in culo (che ogni tanto servono), i ragazzi della band e chiunque abbia messo qualcosa anche nei live, dalle luci ai visuals.

'Love will find you' ha delle bellissime parole scritte appunto da Michael che è un mio carissimo amico da anni, e abbiamo deciso assieme a Riccardo di fare masterizzare appunto ad Andy Jackson, al Tubemastering, quella che è di fatto l'unica canzone dell'album. Inutile dire che il suono di Jackson è per me da sempre il top. Un grandissimo.

Tra le svariate collaborazioni, puoi vantarne una anche con Gary Lucas, grandissimo chitarrista e collaboratore di Jeff Buckley. Com’è stato lavorare con un mostro sacro della sei corde?

Gary è un musicista geniale. Usa la chitarra come se fosse, che so, un pianoforte. Ha un suo senso del timing, usa mille accordature, suona cose assurde. Quando attaccammo 'Grace' in sala prove avevo la pelle d'oca. Per non parlare dell'arpeggio 'stregato' di 'Mojo Pin'. È stato un onore collaborare con lui ed è stato un sogno quando ci ha proposto di suonare due inediti di Jeff Buckley che non erano finiti su 'Songs to No One'. Il tutto mentre appoggiata lì c'era l'acustica che suonò su 'Grace' quando registrarono l'album. L'ho toccata più volte ed è stata una sensazione splendida.

Un po' superficialmente si pensa che al Sud sia difficile organizzare concerti e portare musicisti di spessore. Invece, Il Museo Del Rock di Catanzaro dimostra esattamente l’opposto. Puoi dirci qualcosa rispetto a una scena, come quella calabrese, di cui purtroppo conosciamo pochissimo?

Grazie al lavoro del Presidente Piergiorgio Caruso e del grande Antonio Ludovico al Museo del Rock sono passati moltissimi personaggi. Il posto è fantastico e contiene una collezione assurda di memorabilia e rarità.

Rispetto al luogo, io credo sia più una questione di cosa si vuole fare, e cercare di farlo al massimo delle proprie possibilità. Credo ci siano tanti progetti e persone interessanti anche quaggiù.

Io e te ci siamo conosciuti grazie a una tua splendida cover di Mary Jane’s Last Dance di Tom Petty, accompagnata peraltro da un filmato davvero azzeccato. Dal vivo, poi, esegui, talvolta, brani altrui. È un modo per omaggiare la musica che ami di più? Con che canzoni e quali artisti è cresciuto Emilio Sorridente?

Quello di Mary Jane è un cortometraggio che si chiama 'Invention of Love', che ho amato dal primo secondo e per il quale ho avuto il permesso dal regista di poterlo usare su questa cover che abbiamo registrato nel 2014. È stata l'apertura del live di 'From The Shell' e il video era proiettato alle nostre spalle. Le cover che scelgo dipendono molto dagli stati d'animo e da cosa suoniamo per 'svago' in sala prove: abbiamo suonato Kula Shaker, Radiohead, Pink Floyd. E anche Twink Alder e Jeff Buckley per ovvie ragioni.

Per quanto riguarda il mio background, su tutti ci sono Nick Drake e Syd Barrett, e anche il blues delle origini, ché da lì non scappa nessuno.

C’è qualcosa nell’odierno panorama italiano che cattura la tua attenzione?

Devo confessarti che ascolto pochissima musica italiana. Il disco italiano che metto su più spesso è 'Tabula Rasa Elettrificata' dei CSI.

Compri ancora dischi o hai abbracciato, come molti, la causa di Spotify? Che rapporto hai con la musica liquida e lo streaming?

Non si comprano più tanti dischi. Ormai tutto è a portata di mano, e tutto maledettamente più veloce. Però le cose interessanti trovano sempre il modo di arrivare a noi, credo (o spero).

Un’ultima domanda. Cosa c’è nell’immediato futuro artistico di Emilio Sorridente? Stai lavorando a un nuovo disco?

Prima dell'estate 2017 sono nate delle nuove canzoni, che effettivamente abbiamo portato in giro per un anno, cambiandole tante volte live. Con questo approccio spontaneo le abbiamo registrate a fine 2018 e credo che questo sarà un giorno il nuovo album. Sicuramente sarà diverso dal precedente, fatto di canzoni brevi e con un piglio molto più duro rispetto agli strumentali di 'From The Shell'. Vedremo cosa verrà fuori.

Emilio Sorridente affonda le proprie radici artistiche nel rock psichedelico e nel blues. Il viaggio musicale del chitarrista e cantante si snoda attraverso un cantautorato sperimentale (Anomalia di sistema, Reality Show) passando attraverso divagazioni rock-reading (7 Sins) e un passato di collaborazioni e apparizioni dal vivo con diverse personalità del blues (Franco Vinci, Roberto Ciotti, Will Tang & Patrick Murdoch) e del rock (Sasha Torrisi, Black Seeds, Encelado, John ‘Twink’ Alder, Gary Lucas). L'ultimo album, 'From the Shell', è uscito in vinile per RNC Music/Self e ha vinto il Best Vinyl Award 2016 per la miglior copertina in vinile in Italia, opera di Carmelo Marturano e Doc Murdàka. Quasi interamente strumentale, l’album si chiude con ‘Love will find you’, canzone scritta a quattro mani con Michael Orzek e masterizzata da Andy Jackson, sound engineer dei Pink Floyd.

www.emiliosorridente.com
https://www.facebook.com/EmilioSorridenteMusic/
https://twitter.com/emiliosorrident
https://www.instagram.com/emilio_sorridente/?hl=it


TAGS: emilio | interview | intervista | sorridente