Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
REVIEWSLE RECENSIONI
Cigarettes After Sex
Cigarettes After Sex
2017  (Partisan)
POP
6/10
all REVIEWS
24/07/2017
Cigarettes After Sex
Cigarettes After Sex
Peculiarità della band sono, infatti, melodie al limite del torpore, testi malinconici che trattano d’amore in tutte le sue sfaccettature, un mood crepuscolare, ma non gotico, e soprattutto la bella voce androgina del leader, il cui timbro suona clamorosamente femminile.

E’ durata la bellezza di cinque anni la gestazione del primo album sulla lunga distanza dei texani Cigarettes After Sex. Il gruppo di El Paso, infatti, era già balzato agli onori della cronaca nel 2012, quando aveva pubblicato un Ep dal laconico titolo I. Da quel momento, la band ha pubblicato meno di una manciata di singoli e si è concentrata, invece, sul primo full lenght, uscito il mese scorso via Partisan Records. Un lavoro lungo, di cesello, necessario a perfezionare un suono in bilico fra dream pop e shoegaze, che ha tra le sue fonti d’ispirazione gli scozzesi Cocteau Twins (intesi più come nume tutelare) e soprattutto Mazzy Star e Slowdive, due dei maggiori interpreti del genere durante gli anni ’90. Non certo un suono nuovo (ormai il passatismo è più che una moda), quindi, ma rielaborato con gusto dal leader Greg Gonzales (voce, chitarra e produzione) e dai suoi sodali (Phillip Tubbs alle tastiere e chitarra elettrica, Randy Miller al basso e Jacob Tomsky alla batteria) che hanno affinato un repertorio di canzoni lente, sognanti e dolcemente nostalgiche. Peculiarità della band sono, infatti, melodie al limite del torpore, testi malinconici che trattano d’amore in tutte le sue sfaccettature, un mood crepuscolare, ma non gotico, e soprattutto la bella voce androgina del leader, il cui timbro suona clamorosamente femminile. Chi ha amato la stagione del dream pop troverà nelle dieci canzoni in scaletta (per la durata complessiva di circa cinquanta minuti) più di un motivo per essere soddisfatto. Tutti gli altri, invece, è probabile che faranno più fatica a entrare in sintonia con la scaletta: servono parecchi ascolti prima di assimilare il concetto e alla fine, una certa ripetitività di fondo, induce a più di uno sbadiglio. Troppe sigarette, si sa, fanno male alla salute.