Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
PREVIEW, EVENTI E COMUNICATICOMING SOON
House & Trance
Crime In Stereo
2023  (Pure Noise Records)
NEWS
all PREVIEW, EVENTI E COMUNICATI
17/10/2023
Crime In Stereo
House & Trance
Dopo 13 anni dall'ultimo disco i Crime In Stereo sono tornati con "House & Trance", in uscita il 27 ottobre 2023 per Pure Noise Records, via Kinda. Un post-hardcore in lotta per esistere in un mondo sempre più distopico, tra la rabbia per le grandi ingiustizie, la vulnerabilità dell'umano e la speranza per un futuro non ancora cancellato.
di La Redazione

Il singolo di punta "Hypernormalisation" analizza l'apatia delle persone di fronte alla loro imminente scomparsa: "Gli incendi selvaggi si sono riuniti e hanno raccolto abbastanza firme per costringere a votare sul reindirizzamento dei condotti magmatici sotterranei direttamente nei corridoi pendolari est/ovest. Città d'acqua si sono precipitate dal mare solo per girare intorno al quartiere per ore, ostacolate da parcheggi alternativi".

Il brano "Books Cannot Be Killed By Fire", rivolge il suo sguardo acre ai recenti e continui sforzi repubblicani di sbiancare la storia americana e limitare l'accesso alla sua verità.

House & Trance sembra il naturale passo successivo dei Crime In Stereo. È stato interamente autoprodotto dalla band (al di fuori di essa, sia Romnes che Cioni sono produttori acclamati e affermati) e si riallaccia così bene al loro passato che sembra quasi che il decennio trascorso non sia mai trascorso.

Questa raccolta di canzoni non solo ha un suono incredibile dal punto di vista sonoro, ma è anche piena di angoscia per la vita e l'esistenza nel 2023, sia dal punto di vista musicale che dei testi. Non riflettono solo gli effetti di questi tempi (gli effetti dell'ultimo stadio del capitalismo e del neoliberismo, l'incombente dominio del fascismo all'interno del sistema politico statunitense, la crescente alienazione e l'isolamento che derivano dallo sradicamento mirato della comunità da parte della politica aziendale) ma anche l'immenso danno collaterale umano che deriva da tutto questo.

 

Per quanto simbolica delle crisi ambientali e sistemiche universali che il mondo si trova ad affrontare in questo momento, opera anche (come hanno sempre fatto le canzoni dei Crime In Stereo) a un livello più personale. Verso la fine della realizzazione dell'album, Dunne (chitarra) ha dovuto essere operato d'urgenza dopo aver contratto un'infezione settica che lo ha quasi ucciso.

È comprensibile che questo contatto con la mortalità si diffonda in queste canzoni. Ci sono riferimenti all'essere consumati o distrutti dal sole, per esempio, in "House/Trance" (una meravigliosa esplosione di malinconia minacciosa e iperattiva) così come la cupa oniricità della traccia finale (e "tributo" alla patria della band, Long Island) "Skells". In effetti, questo disco sembra spesso sull'orlo di un'implosione mondiale.

All'interno di questo scenario apocalittico sono contenute altre catastrofi e mali umani: il post-hardcore balbuziente di Superyacht Ecopark offre un'incisiva denuncia della mentalità miliardaria in cui la ricchezza viene accumulata a spese dell'umanità,

Sebbene l'album nel suo complesso offra un duro atto d'accusa sullo stato dell'Unione, in realtà non era destinato a essere apertamente politico. È solo quello che è diventato, come un riflesso accurato dei tempi e di ciò che i potenti stanno facendo.

"È così estenuante essere un essere umano ragionevole nel 2023 negli Stati Uniti d'America. È estenuante guardarsi intorno e chiedersi: 'Che cazzo di problema avete?'", dice Hallbert (voce). "Non sto prendendo posizioni ridicole su posizioni politiche estreme. È solo una domanda: 'Ehi, potete smetterla di strappare quei bambini ai loro genitori e metterli in gabbia? È una posizione stravagante da prendere? Le persone possono avere l'assistenza sanitaria? Non si può sparare alla gente a scuola o in chiesa o in un maledetto centro commerciale o in un cinema? Ma se dici cose del genere gli altri ti dicono: 'Oh, stai prendendo una posizione politica'. È così fottutamente offensivo a livello umano".

 

Tuttavia, nonostante la giusta rabbia per le grandi questioni che hanno ispirato queste canzoni, c'è qualcosa di molto vulnerabile e umano al loro centro, ovvero la lotta per esistere in un mondo sempre più distopico, quando le probabilità sono già tutte contro di te. È interessante notare che è questo che ha ispirato il titolo dell'album. Non solo è un doppio senso sulla musica (e sul rifiuto della band di essere incasellata nella scena hardcore/post-hardcore), ma cattura anche la perseveranza necessaria per sopravvivere nel mondo miserabile che l'uomo si è creato.

"È qualcosa di cui gli artisti americani parlano da 70 anni", dice Dunne. "Ma la situazione non fa che peggiorare. Non ci stiamo muovendo verso la soluzione. Ci stiamo muovendo verso risultati peggiori. È questo sentimento di rassegnazione che voglio che la gente tragga da questo disco? No, non lo auspico. Ma catturarla e cercare di esprimere quella condizione è ciò che questo disco sente. È la mia sensazione di aver comprato una casa e di aver avuto un figlio e di essere in quella classica, postmoderna, mezza età, suburbana ennui, in cui tutta la tua energia e la tua concentrazione devono fondamentalmente andare a mantenere il tuo prestito bancario in modo da poter ancora possedere e vivere in questa casa, così che la tua cazzo di famiglia non sia per strada. Ma è come se avessi dei paraocchi e fossi in trance, concentrato solo sulla costante ansia e sullo stress della tua situazione di vita".

 

House & Trance, continua quella conversazione perenne, così come continua la storia della band. Tuttavia, pur essendo nato dalla desolazione, dalla disperazione, dall'aver sfiorato la morte e da una società e un paese in crisi, la sua stessa esistenza si scaglia contro tutto ciò che l'ha creato, offrendo un significativo senso di speranza e di significato, di bellezza e di salvezza, di un futuro non ancora cancellato.

 

 

 

Tracklist

  1. Pensioner
  2. Superyacht Ecopark
  3. Rogue Wave
  4. Hypernormalisation
  5. We Can Build You
  6. Goliathette
  7. Books Cannot Be Killed By Fire
  8. House / Trance
  9. Autotourniquet
  10. Skells