Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
REVIEWSLE RECENSIONI
Marigold
Pinegrove
2020  (Rough Trade Records)
INDIE ROCK ALTERNATIVE AMERICANA
8/10
all REVIEWS
11/02/2020
Pinegrove
Marigold
Il ritorno dei Pinegrove, dopo uno iato di quattro anni, con un disco in bilico tra indie rock e alt-country, melodie accattivanti e liriche depresse.

Dopo qualche anno di gavetta, Ep autoprodotti e un disco distribuito door to door, i Pinegrove, band originaria di Montclair (New jersey), fecero il grande salto con un disco d’esordio (Cardinal, 2016) che attirò l’attenzione della stampa specializzata, suscitando parecchio interesse e critiche estremamente positive. Le cose, poi, non sono andate così lisce come ci si sarebbe aspettati. Alla fine del 2017, i Pinegrove sono finiti sotto i riflettori per qualcosa che con la musica ha davvero poco a che fare. Il cantante Evan Stephens Hall, infatti, è stato accusato di "coercizione sessuale" (verbale, non fisica) da una donna con cui in passato aveva avuto una relazione. Uno spiacevole fatto di cronaca, risoltosi, poi, grazie all’intervento di un mediatore e a un accordo stragiudiziale, che ebbe inevitabili riverberi sullo stato di salute e sulle prospettive future della band.

Ora, i Pinegrove sono tornati con un nuovo album e con nuove canzoni, nate proprio da quella triste esperienza e figlie della sofferenza e del disagio patito da Hall. Se Cardinal, pur nella sua immediatezza lo-fi, suonava più ondivago, incerto sulla strada da scegliere fra pop e indie folk, Marigold risulta un disco decisamente più omogeneo, nei suoni e negli intenti. Una maturità acquisita nel corso di questi quattro anni, che ha reso ancora più nitida, grazie un ottimo lavoro sulla produzione e gli arrangiamenti, la predisposizione naturale del leader (autore di quasi tutti i brani in scaletta) per melodie capaci di sciogliere il cuore anche del più burbero degli ascoltatori. Insomma, i Pinegrove tornano a declinare il meglio del loro songwriting, ma lo fanno con maggior consapevolezza e con idee brillanti e originali. La prima delle quali è quella di rivisitare con piglio moderno un suono antico, tessendo un delizioso arazzo di chitarre (soprattutto elettriche), rifinito dall’ordito occasionale dell’alt country. 

Tracce vibranti come Phase o l’elegante No Drugs sfoggiano una bellezza ariosa, in un contesto in cui tutti gli episodi possiedono una grazia accattivante. Ciò nonostante, il cuore delle composizioni è prevalentemente triste: ci sono inevitabili rimandi autobiografici, in queste canzoni, e Hall tratteggia storie strettamente connesse a un’anima travagliata, sofferente, al limite del collasso emotivo. Hall, in tal senso, canta senza filtri, si mette a nudo in tutta la sua fragilità, ci porge il suo cuore, racchiuso nelle mani tremanti. Di ansia e di dolore. E lo dice chiaramente, nella malinconica esposizione di The Alarmist (con quegli echi dolenti che richiamano il Jackson Browne di Late For The Sky): “Per quello che posso vedere, è un territorio terribile, e non c’è nessuno che possa rassicurarmi”. Un senso di inadeguatezza e di smarrimento replicato in tutta la scaletta, che, ad esempio, contrasta con il piglio deciso e la melodia accattivante di Phase, in cui Hall canta: ”C’è un relitto ovunque io guardi”. E non è un caso il lungo strumentale posto a fine dell’album: la title track è liberatoria, scioglie le emozioni in una catarsi naturistica, in cui un cielo stellato, immenso nel suo baluginare di stelle, dà respiro alla speranza, conforta in un abbraccio rasserenante di pura consolazione.

Se c’è un difetto in Marigold è forse la monotematicità degli argomenti trattati, una sovra esposizione del sé di Hall, che frena l’universalità del messaggio, rendendolo troppo personale. Un “guardarsi l’ombelico” tipico di un certo cantautorato anni ’70 (James Taylor su tutti), che toglie respiro alle liriche ma non alle splendide melodie di un disco che si fa fatica ad abbandonare. I Pinegrove, piaccia o meno, lo scrissi anche a proposito dei Big Thief, rappresentano il futuro del suono “americano”: ne replicano l’essenza, ma scavalcano il consunto steccato formale. Sono linfa vitale. Amateli.


TAGS: alternative | americana | indie | loudd | Marigold | Pinegrove | recensione | review | rock