Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
REVIEWSLE RECENSIONI
Oh God Ma'am
Sons Of Bill
2018  (Loose Records)
AMERICANA ROCK POP
7/10
all REVIEWS
11/07/2018
Sons Of Bill
Oh God Ma'am
Chitarre solari, melodie uncinanti, un mood di fondo trasognato e un’Americana diluita con un pizzico di elettronica, tenuta però, sotto controllo, sono gli elementi principali di questo nuovo lavoro. Che gioca con gli anni ’80

I Sons Of Bill, gruppo originario di Charlottesville, Virginia, sono un quintetto in circolazione dal 2006, che ha all’attivo, contando quest’ultimo Oh God Ma’am, già cinque album. La peculiarità del nome deriva dal fatto che la band è composta da tre fratelli (Sam, James e Abe, a cui si aggiungono Seth Green al basso e Todd Wellons alla batteria) che hanno voluto ispirare il loro progetto musicale al padre, Bill Wilson, professore emerito di filosofia teologica e letteratura (l’uomo è uno dei massimi studiosi statunitensi di William Faulkner) presso l’Università della Virginia.

E che a casa Wilson si respiri un bel po’ di cultura si può desumere dai testi delle canzoni di Oh God Ma’am, che appaiono davvero di un livello superiore alla media. Così come, superiori alla media, sono quasi tutte le dieci canzoni contenute nella scaletta di un album che, rispetto ai precedenti lavori, segna un decisivo cambio di rotta. Il precedente e bellissimo Love And Logic (2014), infatti, si muoveva in territori di Americana abbastanza riconoscibili, apportando però al genere anche qualche inusuale innovazione.

Se infatti la strumentazione utilizzata per la registrazione dei brani pescava a piene mani dalla tradizione a stelle e strisce (pedal steel, banjo, dobro), i Sons Of Bill puntavano a soluzioni originali, facendo fluttuare suoni e melodie verso il blu acceso di certi cieli americani che paiono infiniti. Così, non era azzardato parlare di Space Americana, soprattutto riguardo a quegli episodi che erano marcati da influenze pinkfloydiane o che imboccavano la strada di un etereo lirismo.

In Oh God Ma’am, i riferimenti alla band inglese tratteggiano solo la morbidissima Green To Blue, mentre il lirismo di cui sopra avviluppa la malinconica Sweeter, Sadder, Fadden Away, ninnananna per spazi aperti, che apre il disco evocando, in modo ambiguo, una tormentata storia d’amore, forse, finita in tragedia. Sono due episodi, però, che pur non stonando rispetto all’economia del disco, si discostano dal nucleo della scaletta che suona, realmente, diverso.

Se per il precedente, i riferimenti più evidenti erano gli anni ’70, in questo nuovo full lenght i Sons Of Bill virano inaspettatamente verso un pop rock clamorosamente eighteis. Ne poteva venir fuori una boiata pazzesca, e invece no.

Perché i cinque ragazzi della Virginia sanno scrivere canzoni ricche di emozioni, che restano tali qualunque vestito indossino. Chitarre solari, melodie uncinanti, un mood di fondo trasognato e un’Americana diluita con un pizzico di elettronica, tenuta però, sotto controllo, sono gli elementi principali di questo nuovo lavoro. Che gioca con gli anni ’80, in un caso maldestramente (la pessima Old & Gray sembra uno scarto da karaoke), in altri, con lucidità e freschezza invidiabili (Firebird ’85, Believer/Pretender, Where We Stand), citando le grandi icone del decennio (lo Springsteen di Born In The Usa, i Cars di Hearbeat City, Echo And The Bunnymen, etc.)

Probabilmente, gli amanti dell’Americana o semplicemente coloro che avevano apprezzato i precedenti lavori dei Sons Of Bill, al primo ascolto, storceranno il naso. Con un po' di pazienza, però, e molta onestà intellettuale, una volta colta la visione d’insieme (rinnovarsi nel suono, mantenendo alta la qualità delle composizioni), si accorgeranno di essere di fronte a un disco non solo diverso, ma ricco di belle canzoni e di intuizioni. Promossi.