Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
PREVIEW, EVENTI E COMUNICATICOMING SOON
Servi dei servi [Singolo/Video]
EDDA e MAROK
2020  (Contempo Records)
NEWS
all PREVIEW, EVENTI E COMUNICATI
21/05/2020
EDDA e MAROK
Servi dei servi [Singolo/Video]
EDDA e MAROK: esce oggi il singolo “Servi dei servi” con il video diretto da Michele Bernardi, primo estratto dal disco regalo “Noio; volevam suonar”.
di La Redazione

Esce il 21 maggio sulle piattaforme digitali il singolo Servi dei servi, accompagnato dal video diretto da Michele Bernardi. Servi dei servi è il primo estratto da Noio; volevam suonar., il disco regalo di Edda e Marok pensato e realizzato con furia in piena quarantena. L’album, in uscita il 30 giugno per Contempo Records, sarà infatti disponibile gratuitamente sia nella versione digitale che in quella fisica (cd o vinile) semplicemente effettuando il pre-order entro il 15 giugno (mailorder@contemporecords.it), sostenendo le sole spese di spedizione. Viaggiano a gonfie vele le prenotazioni dell'album: sono oltre mille le copie gratuite richieste nei primi giorni di campagna promozionale.

“Un giorno a Cuba conobbi un ragazzo che era scappato dall’Italia perché lo cercava la DIGOS. I suoi genitori erano ricchi ma a Cuba sono tutti poveri. Poi tornai in Italia e mi diede una bottiglia di rum da portare a Ricky Gianco. Andai a casa sua e feci una bellissima figura perché non mi ero bevuto la bottiglia”.

È così che Edda introduce Servi dei servi, la traccia numero due dell’album, omaggio allo scrittore Marco Philopat e allo storico centro sociale Virus. Un brano che rievoca gli anni ’80 di una Milano antagonista a quella da bere, fremente di punk e cultura underground, eredità, in pieno riflusso, dell’antagonismo del decennio precedente. Ma come accade per le altre tracce dell’album – realizzato in piena fase 1 – anche in Servi dei servi la dimensione del ricordo privato si lega in qualche modo alla condizione di sgomento collettivo vissuta in quarantena: “tempo ce n’è, potere ne abbiamo/tutti d’accordo e mo’ che cazzo facciamo?” canta Edda sul giro di basso di Marok.

Rompendo ogni legame didascalico con il brano, il video di Servi dei servi compie un’ulteriore astrazione, trasportando la vocazione libertaria di quegli anni verso l’ansia di libertà scaturita dalla quarantena. Diretto da Michele Bernardi - regista ed autore di videoclip animati per diversi gruppi musicali italiani tra cui Le luci della Centrale Elettrica, Tre allegri ragazzi morti, Colapesce, Punkreas, 24 grana, Prozac+, The Zen Circus – il video è una corsa in soggettiva spinta dal bisogno di luce e di aria, dalla necessità di essere fuori, una necessità non solo fisica ma anche morale, culturale, emotiva. Realizzato con la collaborazione della fotografa madrilena Lourdes Cabrera e dell’illustratore Marco Cazzato, il video di Servi dei servi è più un’opera di videoarte che un videoclip: un montaggio di immagini leggere e intime che trova la sua fonte di ispirazione primaria nella ricerca della luce e nelle visioni sfumate del pittore romantico William Turner. La corsa in fast forward – che compone camera car, fotografie e disegni, il tutto sporcato manualmente - si interrompe bruscamente di tanto in tanto, soffermandosi su immagini più a fuoco: sono visioni quotidiane, riprese a caso, claustrofobiche e al tempo stesso liberatrici.

Un video che va visto a occhi socchiusi per percepire movimenti che altrimenti sarebbe impossibile vedere. Un video a suo modo psichedelico, come svela l’immagine finale: ciò che vediamo è filtrato da uno specchio da cui ci allontaniamo per scoprire un mondo più vasto e conoscere un’altra verità.


TAGS: EddaRampoldi | GianniMaroccolo | loudd | ServiDeiServi