Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
PREVIEW, EVENTI E COMUNICATICOMING SOON
23/05/2024
Capstan
The Mosaic
I CAPSTAN (band della Florida che mescola precisione metallica e groove hardcore) pubblicano il loro nuovo album, "The Mosaic", il 24 maggio per Fearless Records, via Kinda.
di La Redazione

Per fare un mosaico, i piccoli pezzi si incastrano come un'immagine più grande. Allo stesso modo, elementi distinti si fondono in Capstan. La band mescola la precisione metallica con groove hardcore da spaccare la testa e il tipo di ganci di cui non si può fare a meno.

Dal 2015, i Capstan sono progrediti ad ogni successiva mossa. Dopo Seasonal Depression (2015) e In The Wake of Our Discord (2018), hanno fatto faville con il loro debutto completo, Restless Heart, Keep Running, nel 2019. Sono stati in tour con artisti del calibro di Trash Boat, Doll Skin, Silverstein e molti altri. Dopo aver accumulato decine di milioni di stream e guadagnato l'acclamazione di artisti del calibro di KERRANG! e New Noise, il gruppo dipinge un corpo di lavoro definitivo con il suo terzo full-length, The Mosaic.

 

Il singolo "Misery Scene" mescola ritornelli sognanti con chitarre drammatiche e vibranti, e con fioriture sonore cinematografiche. La canzone riempirà la stanza con le sue maestose melodie e i suoi canti. Misery non ha mai suonato così bene. Se i Queen fossero una band post-hardcore, avrebbero fatto una canzone come "Misery Scene".

"Misery Scene" è l'inizio di un cambio di direzione lirica per Capstan; sempre introspettivo, il testo affronta la precedente incapacità dell'autore di rompere il ciclo di scelte autodistruttive, così come l'ammirazione tossica e onnipresente per la scarsa salute mentale degli artisti. È una canzone che parla del passaggio consapevole dalla glorificazione dell'infelicità per il gusto dell'arte al desiderio di avere un impatto più positivo sulla vita degli altri", dice Mabry.

 

"Empire" è una canzone di dimensioni enormi, attraversa una serie di stati d'animo nello spazio di quattro minuti. Voci stratificate, chitarre nervose, breakdown, tastiere d'atmosfera e giochi elettronici sono sparsi per tutto il brano. È un'avventura sonora che dimostra la volontà della band di sperimentare e provare cose nuove in una volta sola.

"Empire" è un brano introspettivo", dice Mabry, "I testi confessano il senso di colpa nei confronti del privilegio, del suo costo e della complicità di massa nelle atrocità commesse in nome dell'imperialismo occidentale. Riconoscere la portata globale della violenza, della povertà e della disuguaglianza, e riconoscere che il sistema è decisamente e irrimediabilmente rotto, è imperativo per la possibilità di progredire".

 

Il nuovo singolo "What You Want" è un inno per i fan, una volta che cattura lo stile sonoro svettante, emotivo e straordinariamente orecchiabile della band. Con questo brano i Capstan si concedono un po' di energia anni '80, con un'atmosfera da glorioso ritorno al passato, pur mantenendo un taglio moderno.

"Forse un brano inaspettato da parte dei Capstan, 'What You Want' prende in giro il fatto di venire a patti con alcune sorprendenti e difficili verità sull'industria musicale", si legge nella nota. "Tuttavia, sempre sincera, questa canzone è un impegno per ciò che Capstan è e sarà sempre, e una promessa ai nostri fan più fedeli".

 

 

TRACK LISTING:
I. "Revolve"    
"Misery Scene"    
"Final Words"    
"Undertow"    
"An Open Letter"    
"Hailey"    
"Bloom"  
"Empire"    
"What You Want"
II. "Revise"    
"Dwell"    
"Arrows"    
"Compendium"    
"Bête Noire"
"Moloch"
"What Can I Say"    
 "Heart to Heart
III. "The Mosaic"