Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
REVIEWSLE RECENSIONI
The Unseen In Between
Steve Gunn
2019  (Matador)
FOLK AMERICANA SINGER SONGWRITER
7/10
all REVIEWS
29/01/2019
Steve Gunn
The Unseen In Between
Giunto al quindicesimo album in carriera, Gunn ripropone con coerenza un’idea di musica ostinatamente derivativa, ma trova, però, in The Unseen In Between il punto più alto della propria poetica, una maturità piena, sia in termini compositivi che di suono

Ad ascoltare questo disco a scatola chiusa, senza sapere chi sia Steve Gunn e l’anno di uscita, verrebbe da collocare le nove canzoni che ne compongono la scaletta in un tempo molto lontano. Tutto, infatti, risulta incredibilmente vintage, a partire dalla bella copertina, che immortala il songwriter di Brooklyn nell’atto di aprire la custodia della chitarra, trasmettendo subito un senso di musica artigiana, costruita con semplicità, senza artifici, come si faceva una volta.

Se è vero che Gunn, come molti colleghi a lui assimilabili (su tutti Ryley Walker, Jonathan Wilson e Kurt Vile, ex compagno d’avventura nei Violators) identifica il presente di una narrazione americana dagli accenti psych-folk, è indubitabile che questa musica altro non sia che la rielaborazione di quel linguaggio avuto in eredità da straordinari artisti quali John Fahey e Robbie Basho.

Giunto al quindicesimo album in carriera (non dimenticando anche svariate e importanti collaborazioni con Michael Chapman, His Golden Messengers, Mike Cooper, etc) Gunn, infatti, ripropone con coerenza un’idea di musica ostinatamente derivativa, ma trova, però, in The Unseen In Between il punto più alto della propria poetica, una maturità piena, quindi, sia in termini compositivi che di suono. Non è un caso, sotto questo aspetto, l’altissimo profilo della backing band che accompagna il musicista di Brooklyn: il chitarrista e produttore James Elkington, il bassista di Bob Dylan, Tony Garnier, la vocalist Meg Baird, il tastierista Daniel Schlett e il batterista TJ Mainani.

Composizioni di ampio respiro, in cui la band giostra con mestiere intorno alla chitarra di Gunn, che cesella le melodie, prendendo spunto da semplici riff, quasi fossero l’abbrivio per fluttuare leggeri nell’aria (Morning Is Mended), aggomitolarsi intorno a una suntuosa linea di basso (New Moon) o irruvidirsi in una potente coda elettrica che cresce impetuosa dopo essersi divincolata dal lisergico groviglio psichedelico (New Familiar).

Se Gunn mette al servizio dell’album, oltre a riuscite composizioni, la bella voce e la straordinaria tecnica chitarrista, una nota di merito spetta anche alla produzione di James Elkington, la cui visione alchemica bilancia alla perfezione strumenti elettrici e acustici, contrappunto d’archi e voci evocative e spettrali. Un melange ipnotico che trascina l’ascoltatore in un vortice sonoro di quarantacinque minuti e che crea un’atmosfera quasi surreale che persiste ben oltre la fine dell’ascolto.