Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
REVIEWSLE RECENSIONI
Walking Like We Do
The Big Moon
2020  (Fiction Records)
INDIE ROCK POP
7/10
all REVIEWS
24/01/2020
The Big Moon
Walking Like We Do
Meno chitarre e più synth, nel nuovo disco delle Big Moon, in cui convivono liriche pessimiste e melodie solari

Formatesi a Londra nel 2014, le Big Moon (la cantante e chitarrista Juliette Jackson, la chitarrista Soph Nathan, la bassista Celia Archer e la batterista Fern Ford) si sono fatte fin da subito largo nel sottobosco delle band indie rock con un disco, Love in the 4th Dimension (2017), che ha attirato l’attenzione della stampa britannica e ha portato in dote alle quattro ragazze il prestigioso Mercury Prize.

Quello era un disco per chitarre, che suonava molto vicino alla musica dei connazionali Libertines di Pete Doherty, ed era trainato da canzoni, come il singolo Cupid, capaci di essere al contempo graffianti e orecchiabili. Una formula vincente, che aveva portato la band a condividere palchi importanti a supporto di artisti già affermati e a scalare le classifiche inglesi, nonostante una proposta tutt’altro che mainstream.

Walking Like We Do, invece, sposta decisamente il tiro verso altri bersagli, suona meno istintivo e aggressivo, e si apre decisamente al pop. E’ la stessa Juliette Jackson, autrice di quasi tutto il materiale del disco, a dirlo apertamente: “volevamo fare un disco che fosse rilassante e purificante, come un tonico”. Niente più graffi, allora, ma undici canzoni decisamente più morbide e solari, con pianoforte e synth a rubare parte della scena alle chitarre, e arrangiamenti più complessi e stratificati.

Prodotto da Ben Allen (Animal Collective, Gnarls Barkley), Walking Like We Do possiede un suono arioso e più leggiadro, in cui il rock si ritaglia solo pochi momenti a favore di ganci pop di facile presa e di un mood che si ispira apertamente alle girl band dei sixties e al r’n’b anni ’90.

A fronte, però, di una maggiore accessibilità delle canzoni, la Jackson continua a creare immagini livide e disturbanti e a scrivere liriche abrasive e puntute. Ecco, allora, che l’irresistibile pop dance di Your Light coagula, all’interno di melodia orecchiabilissima, il disagio di una generazione, quella dei millenians, alle prese con un mondo in disfacimento, in cui incombono le distorsioni della politica e le catastrofi ecologiche.

Il medesimo mood che pervade Dog Eat Dog, ballata pianistica screziata di soul (e uno dei vertici dell’album) in cui la Jackson riflette sulle ingiustizie sociali e sulla sperequazione economica che affligge il Regno Unito.

Nonostante il sarcasmo e il pessimismo che pervadono alcune liriche, Walking Like We Do resta, però, un disco godibilissimo, ricco di melodie uncinanti e di canzoni come Take a Piece, Barcelona e la citata Your Light che conquistano fin dal primo ascolto per la loro inebriante leggerezza. 


TAGS: indie | loudd | pop | recensione | review | thebigmoon | WalkingLikeWeDo