Cerca

Banner 1
logo
Banner 2
PREVIEW, EVENTI E COMUNICATICOMING SOON
05/07/2019
Elettronoir
Fabbrica
A partire da oggi è online il video “Fabbrica”, terza tappa del “PANORAMA SONORO / THIS LAND IS MY LAND”, progetto di performance musicali estemporanee, un tour “perpetuo” che gli Elettronoir propongono in luoghi d’Italia poco conosciuti, dimenticati o alterati.
di La Redazione

Esce oggi il video “Fabbrica”, terza tappa di “Panorama Sonoro / This Land is my land”, l’originale progetto di perfomance musicali estemporanee degli Elettronoir: un tour “perpetuo” con l’obiettivo di riportare l’attenzione del pubblico in luoghi d’Italia poco conosciuti, dimenticati o alterati. Si tratta di video documenti musicali live, improvvisati al momento, senza post-produzione, ripresi e montati col linguaggio del videoclip con l’obiettivo di trasmettere solo impatto sonoro, ambientale ed emotivo, rigorosamente senza pubblico, il quale verrà raggiunto solo dopo con l’uscita dei videoclip sui profili social di Facebook, YouTube e Instagram della band.

“Fabbrica” (regia di Guido D) è stato girato a Località Pienza (SI), (43°04′43″N 11°40′44″E), all’interno di una fabbrica abbandonata, per raccontare il concetto di industria moderna calata come un meteorite in una realtà rupestre: l’alienazione e l’abbandono, la scommessa persa fra linguaggi contrastanti. Il set completo è durato 50 minuti circa, il video proposto è un estratto di 3 minuti e 40 di musica originale.

l progetto è stato lanciato 15 giorni fa, con due video (regia di Guido D): il primo è “Vasca” (https://youtu.be/5pHwTA526JY), una perfomance situazionista che si è svolta a Località Bagno Vignoni (Siena - 43°01′40.39″N11°37′05.93″E) in una vasca termale del 1500, incastonata dentro un borgo di rara bellezza all’interno della Val d’Orcia (Siena), oggi ridotta a location per aperitivi e ristoranti turistici: un live che racconta la poesia ed i set cinematografici delle opere di Bertolucci, Tarkovskij, i fratelli Taviani, fra tutti. La corsa della persona (è il regista) in collina, nudo e scalzo, con una temperatura di -4 gradi, è stata un’improvvisazione del momento, durante il live.

Il secondo è “Pozza” (https://youtu.be/dKg6Y1xNs2g), sempre a Località Le Pozze, Bagno Vignoni (SI), (43°01′40.39″N11°37′05.93″E) ma questa volta sotto il borgo, in particolare sotto la vasca del primo video: lì si trovano altre vasche termali, fino a pochi anni fa, libere piscine per il pubblico. Con le concessioni date agli alberghi del paese sovrastante, sono state ridotte a pozzanghere di acqua fredda. Raccontano nel calcare sedimentato in centinaia e centinaia di anni, forme di vita, insetti, semi e tracce di piante custodite e prigioniere di una lenta sedimentazione.  Il concerto è avvenuto a stretto contatto con le presenze e le memorie conservate fra le rocce formate in epoche lontane, grazie alla caduta costante di acqua solfurea, calda. I prossimi videoclip saranno tra giugno e luglio per riprendere a settembre.

Prossimi appuntamenti video:

20 luglio - quarto video - Località Abbadia San Salvatore (SI), (42°52′59.27″N11°40′14.33″E): gli Elettronoir raccontano della cripta longobarda dalla quale si erge un’intera abbazia, luogo di passeggio distratto per pochi casuali turisti. Un volume a forma di crocifisso, perimetrato da trentadue colonne ognuna diversa, ognuna con il proprio stile. L’austerità dell’eleganza, il raccoglimento laico e contemplativo, come un caleidoscopio, come la psichedelia.

Il 5 agosto il quinto video - alla Riserva Naturale Duna Feniglia (GR), (42°25′22.44″N 11°14′49.2″E): una spiaggia dentro una riserva naturale. Luogo di villeggiatura d’élite. Racconta di un pittore, che nel tentativo disperato di recuperare alcune tele trafugate, rincorse dalla spiaggia la nave diretta in Spagna che le trasportava. La leggenda narra che non riuscendo nell’impresa, si accasciò “lasciandosi finire”. Così morì Michelangelo Merisi detto Il Caravaggio.

“Come Woody Guthrie (This Land Is My Land), - raccontano gli Elettronoir - durante gli anni della depressione economica USA, girava per strada con la chitarra arrivando ovunque per suonare le sue poesie di protesta ed amore, così noi abbiamo intrapreso questo viaggio per contribuire con la nostra produzione a mettere sotto i riflettori ambienti da rivitalizzare attraverso sonorizzazioni ambientali, uniche ed irripetibili.


TAGS: Elettronoir | Fabbrica